tessuti per tovaglie

In tavola con stile: tessuti per tovaglie, misure e colori ideali

Per noi italiani, da sempre la tavola rappresenta l’incontro con la famiglia, a pranzo e a cena. Con il passare degli anni e l’avanzare dei tempi moderni, la scelta del tovagliato era e continua ad essere molto importante, non solo per la sua funzione pratica di protezione del tavolo da eventuali macchie ma, anche come destinazione di una “cerimonia” famigliare e complemento d’arredo in grado di infondere nell’ambiente circostante stile ed eleganza. Ma come scegliere la tovaglia ideale?

Che si tratti di un semplice pranzo famigliare, di una ricorrenza o di un incontro di lavoro, in tutte le case che si rispettino, la tavola è un gran biglietto da visita per tutti gli ospiti che vi sono invitati a sedersi intorno e, per renderla impeccabile, si ha la necessità di conoscere piccoli trucchi e segreti, utili in ogni occasione e, che vi proponiamo in questo articolo.

Come scegliere i tessuti per tovaglie ideali per ogni tipo di ambiente, che si tratti di una casa, di un hotel o di un ristorante?

Una scelta decisamente poco semplice se prendiamo in considerazione che i tessuti per tovaglie che consigliamo, dovrebbero essere facile da stirare, durevoli e soprattutto resistenti alle macchie ma anche eleganti e in pendant con l’ambiente circostante. Pe rendere la scelta più facile, ci soffermeremo analizzando le tre macro categorie dei tessuti più conosciuti.

Tra i tessuti naturali, troviamo materiali come cotone, seta e lino, anche combinati tra di loro. Sicuramente il tessuto più resistente, ideale soprattutto per tovaglie per ristoranti è il lino. tovaglie per ristorantiCaratteristiche importanti del filo di lino è sicuramente quello di resistere alle macchie di sporco maggiormente rispetto agli altri composti. Come se non bastasse, è un tessuto che migliorerà la sua qualità in resistenza e aspetto con il maggior numero di lavaggi possibili diventando sempre più morbido e liscio, dando un aspetto elegante e naturale a qualsiasi locale.

Uno dei tessuti sintetici per eccellenza invece, è sicuramente il poliestere, ideale per tovagliette per ristorante o bar in quanto il prezzo è abbastanza contenuto ed è molto semplice mantenerle pulite. Inoltre, il fatto che questo tessuto non è suscettibile a pieghe, crea dei vantaggi nel riciclo veloce dello stesso nelle varie mandate di un locale.

Infine troviamo i tessuti artificiali come la viscosa che deriva dalla fibra di cellulosa a seguito della sintesi chimica. Questo materiale è sicuramente una scelta di mezzo tra il naturale e il sintetico in quanto è molto bello al tatto e alla vista, economico e di facile reperibilità ma come svantaggio presenta il fatto di non essere resistente alle macchie e ai lavaggi. Sicuramente non è un tessuto che può durare anni.

Non dimentichiamo che la scelta del tessuto per la propria tavola deriva anche dalla tipologia di occasione in cui deve essere utilizzato. I tessuti naturali, come il cotone possono essere impiegati in cene informali, tra amici e parenti. Mentre nella quotidianità, le tovaglie in tessuti sintetici sono quelli maggiormente consigliati essendo resistenti e facilmente lavabili. Nelle principali occasioni formali, consigliamo tovaglie eleganti con tessuti di qualità superiore come lino, pizzo o piquet. Inutile ricordarvi che il tovagliato deve sempre essere coordinato con i tovaglioli.

Ogni tavolo, la sua misura

Ogni tavolata ha determinate misure che possono variare in base al peso e alla tipologia del tessuto scelto. Infatti i tessuti morbidi, a differenza dei rigidi, non si sollevano dall’angolo del tavolo e tenderanno ad essere più lunghi sui lati anche di 2-3 cm. Ma come scegliere le misure ideali?

In base alla forma del tavolo, che può essere rotondo, quadrato, rettangolare e ovale, bisogna trovare la tovaglia adatta. Sicuramente la forma ne fa da padrone, infatti, non potremmo mai pensare di abbinare una tovaglia rotonda ad un tavolo quadrato pensando di fare bella figura. La dimensione ideale per la scelta della misura di un tavolo dovrebbe essere quella di misurarlo e aggiungere 40-50cm ai bordi, purchè la lunghezza non intralci i movimenti dei commensali.

Facendo un esempio su di un tavolo rettangolare che misura 200cm x 100cm, la misura ideale della tovaglia dovrebbe essere quella di 250cm x 140cm.

Fantasie e colori: una scelta di stile

Colori e gusti sono a discrezione dell’acquirente ma ricordate, anche se un accessorio facilmente intercambiabile, in situazioni formali, la tovaglia può dire molto di noi e del nostro stile ed è per questo che è essenziale la scelta del colore o della fantasia ideale che si abbini in maniera armoniosa alla nostra sala da pranzo, che si intoni a dovere con le nostre stoviglie, ovvero piatti bicchieri e posate e, che rispecchi l’eventuale ricorrenza per cui viene utilizzata (ideale colore rosso per Natale).

Già dall’antichità ma sempre evergreen, il must del colore ideale per un tovagliato elegante è il colore bianco che sia di cotone, pizzo o lino. Infatti questo colore permette di essere utilizzato in qualsiasi occasione e con grande effetto, soprattutto se abbinato con un centrotavola o stoviglie di contrasto o come base per l’utilizzo dei runner.

Che sia bianca o a fantasia, lunga o corta, ovale o quadrata, la tovaglia rimarrà sempre la quintessenza del tavolo, regina indiscussa di pranzi e di cene e testimone silenziosa di ricordi di vita.

 

 

Ufficio Stampa
Maria Chiara Turino