Ristrutturare Casa: cosa devi sapere sulla bonifica amianto

L’acquisto di una casa da ristrutturare, ereditare un immobile di famiglia, trasformare un vecchio rustico, spesso in queste situazioni ci si trova di fronte a dubbi su quali procedure seguire oppure imprevisti come la bonifica amianto che richiede l’intervento di esperti per l’incapsulamento dell’amianto stesso. Non lasciare che il sogno di realizzare la tua nuova casa si infranga al primo ostacolo, parti preparato e potrai seguire i lavori di ristrutturazione definendo esattamente il progetto che hai in mente assieme ai professionisti ai quali ti affidi.

Rimozione e bonifica amianto

Acquistando un vecchio immobile non è raro trovarsi di fronte alla necessità di effettuare la famosa bonifica amianto che spesso si trova ancora su tetti, tettoie, canne fumarie, comignoli e tappetini di calpestio degli ascensori. Non si deve assolutamente commettere l’errore di pensare di compiere questa delicata operazione con metodi fa da te improvvisati. È fondamentale rivolgersi a ditte specializzate nella bonifica amianto, un materiale altamente inquinante e nocivo per la salute. Procedere con l’incapsulamento amianto è un’operazione da professionisti ed incorrere in errori è facile. Il pericolo in fase di rimozione di eternit, è quello di sbriciolare il materiale liberando così le pericolosissime fibre cancerogene e andare incontro a gravi sanzioni amministrative e penali. Anche lo smaltimento, ultima fase di questo processo di bonifica, deve essere effettuato esclusivamente in una discarica autorizzata a trattare rifiuti speciali e pericolosi.

La scelta degli impianti

Un’altra fase importante della ristrutturazione di una vecchia casa è senz’altro la messa a norma degli impianti, un aspetto che può influire in maniera rilevante anche sul budget di spesa dell’intera opera. La scelta dell’impianto di riscaldamento giusto è fondamentale, partendo dalla tipologia di impianto radiante a pavimento oppure il più classico sistema di riscaldamento a piastre a parete. Una terza opzione che si adatta a loft in stile industriale è un impianto di climatizzazione con canali di aerazione a vista.

Illuminare casa è importante, infatti anche l’impianto di illuminazione deve essere studiato in modo da preventivare interventi di muratura per collocare i punti luce in maniera corretta. Lampadari, applique o faretti incassati nel controsoffitto, anche per questi occorre disegnare uno schema di illuminazione preciso per non ritrovarsi con la sorpresa di zona d’ombra o poco illuminate.

Pavimenti, finiture e rivestimenti alle pareti

Il pavimento è fondamentale perché determina lo stile di tutta la casa, le proposte abbondano e ognuna infonde una personalità ben definita all’ambiente. Marmo e gres per uno stile classico e rustico, parquet per ambienti più eleganti, cementine per uno stile più contemporaneo, è solo una questione di gusto. Definito il proprio stile poi tutto verrà di conseguenza e in maniera più facile.

Spesso la ristrutturazione include la finitura di pareti che nel corso degli anni hanno subito diverse pitture che si sono stratificate o applicazione di carte da parati che hanno lasciato importanti residui di colla. Per lavorare queste pareti occorre effettuare interventi che possono avere anche un costo elevato ma necessarie per poterle poi trattare in base alle nostre esigenze e gusto.

Una volta messi a punto tutti questi fondamentali passaggi di bonifica amianto e smaltimento, studio degli impianti e definizione delle finiture arriva il momento di arredare, decorare e dare sfogo alla propria creatività e personalità con l’interior design che più ci rappresenta. Se siamo stati attenti e previdenti forse in quel vecchio appartamento c’erano dettagli decoratici, sedie antiche, quadri d’epoca che ora possono trovare una nuova collocazione e ricordare e rendere omaggio all’abitazione di un tempo.